16 marzo 2018

Amazon Prime

Siamo nel mondo degli acquisti online, mondo nel quale Amazon la fa da padrona da sempre. Nell'ultimo periodo, in quasi ogni realtà Amazon nel mondo, si denota il tentativo di invogliare sempre più il consumatore ad abbonarsi ad Amazon Prime

E viene sempre più proposto come un vero vantaggio per il cliente. Ma è realmente un vantaggio? Associarsi in qualche modo ad un brand può essere utile al consumatore finale se si riesce ad aggiungere valore alla cosiddetta appartenenza. Con Amazon il fine ultimo di Prime dovrebbe però essere uno shopping ancora e sempre più conveniente. 
Ma è così? E in che modo Amazon lo rende chiaro all'utente finale? 
Oltre alla pubblicità del servizio implicitamente lo si fa aumentando l'importo che devi spendere per qualificarti per la spedizione gratuita senza un account Prime.
Cosi non ci sono più dubbi, il consumatore per risparmiare deve abbonarsi.Facciamo un esempio. La spedizione gratuita non Prime veniva offerta in UK se spendevi $25 o più. Amazon ha aumentato l'importo a $35, e oggi ha tranquillamente riaumentato nuovamente tale importo.  
Ora i consumatori UK devono spendere $49 per la spedizione gratuita (a parte qualche rara eccezione).
E il gioco è fatto!
In verità, qualcuno sostiene che aumentando questa soglia, Amazon sia potenzialmente in grado di offrire ai concorrenti un vantaggio, ma Amazon ormai è così dominante che probabilmente avrà l'effetto opposto: ovvero più abbonamenti Prime. Obiettivo raggiunto.

Il valore dell'offerta Amazon rispetto alla concorrenza non può essere ovviamente discusso, specialmente con la quantità di contenuti Prime offerti.
E nuove funzionalità vengono aggiunte continuamente. L'ultimo esperimento è un team di professionisti del vino che ti richiamano e consigliano la bottiglia giusta per una determinata situazione.

Comunque c'è un altro grande vantaggio per Amazon nell'aumentare la spesa minima per la
spedizione gratuita: un notevole risparmio sui costi. 

Già, perchè la spedizione gratuita per i consumatori non è comunque gratuita per Amazon.

Sempre nell'esempio sopra citato, oltre che aver aumentato la spesa minima richiesta a $49, molti prodotti (o combinazioni di prodotti) appartenenti alla vecchia fascia di spedizione gratuita sono stati ridotti. 
Soluzione per il consumatore? Sempre la stessa: Amazon Prime.

Combina questo con più clienti che decidono di optare per Prime, ed è chiaro che il vantaggio è quasi tutto per Amazon. Ovviamente chi vende vuole anche guadagnare.

1 commento:

Nove volte sette

Jehan Shuman era abituato a trattare con gli uomini che da molti anni dirigevano lo sforzo bellico terrestre. Non era un militare, Shuman...