15 marzo 2018

Planet plastic free

Il primo corridoio del supermercato senza plastica in Europa è stato aperto ad Amsterdam.

Una filiale locale di Ekoplaza ha invitato gli acquirenti a scegliere tra oltre 700 prodotti senza plastica, tra cui carne, latticini, snack, frutta e verdura.


Questa mossa rappresenta un momento cruciale per la lotta globale contro l'inquinamento da plastica, ha commentato al The Guardian Sian Sutherland, co-fondatore di A Plastic Planet, il gruppo che ha sostenuto la campagna.

Per decenni ci hanno venduto la bugia che non possiamo vivere senza plastica per il cibo e per le bevande. Un corridoio privo di plastica elimina questo convinzione, ha continuato. Finalmente possiamo vedere un futuro in cui il pubblico può scegliere se acquistare plastica o meno. Fino a questo momento non avevamo scelta.

Secondo uno studio recente, gli esseri umani hanno creato ogni anno più di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica, la maggior parte delle quali finisce nelle discariche o nell'ambiente naturale.

E se la tendenza attuale continua, circa 12 miliardi di tonnellate di rifiuti riempiranno la Terra entro il 2050. (Un quantità di 35.000 volte più pesante dell'Empire State Building).

Chiaramente, qualcosa deve cambiare.


A Plastic Planet ed Ekoplaza sono in prima linea, prendendo quello che il CEO della catena di supermercati Erik Does ha definito un importante trampolino verso un futuro più luminoso per cibo e bevande.

Sappiamo che i nostri clienti sono stanchi di prodotti carichi di strati di plastica spessa, ha affermato. I corridoi privi di plastica sono un modo davvero innovativo di testare i biomateriali compostabili che offrono un'alternativa più rispettosa dell'ambiente agli imballaggi in plastica.

I prodotti promessi non saranno più costosi di quelli con la plastica
Inoltre, il loro imballaggio biodegradabile (o la sua mancanza totale) darà ai clienti una maggiore tranquillità.

Ekoplaza prevede di distribuire corridoi simili in tutte le 74 filiali entro poco tempo, secondo quanto riferito da The Guardian.

Non c'è assolutamente alcuna logica nel confezionare qualcosa di tanto fugace quanto il cibo in qualcosa di indistruttibile quanto la plastica, ha detto Sutherland.  
L'imballaggio in plastica per alimenti e bevande rimane utile per una questione di giorni, ma rimane per secoli una presenza distruttiva sulla Terra
E in Italia?

channelsmondo

Nessun commento:

Posta un commento

Nove volte sette

Jehan Shuman era abituato a trattare con gli uomini che da molti anni dirigevano lo sforzo bellico terrestre. Non era un militare, Shuman...