7 marzo 2018

Televisione

L'è capitaa tücoos in quéla televisiòn
e la vardàvum al bar traa là in söl bancùn,
facc in biaanch e negru che i passàven a manétta,
el muund in biaanche e negru in quéla scatulétta,
Prema ghe n'é vön che canta una canzòn
e dopu i suspenden la trasmissiùn,
hann cupàa un Presideent, pulizia - che casòtt -
soe una machina a Fallas, senza la capòt
Hann dii che l'era bràvu, hann dii che l'era bònn,
però i g'hann sparaa giù de'n balcòn,
hann dii che l'era bravu e l'ha faa tanti prumess
e tanti americani i piàngen ammò adéss

Televisiòn, quanti dé quanti nòcc sö quii pultrùnn
Televisiòn, quanti nocc quanti dé cun quél butòn

E noen in Italia viagiàvum in Cinceent
e cambiàvum tanti ròpp a segùnda del veent,
rüvàva el carosello cun tücc i nuvità
che noen el dé dopu nàvum a crumpà
el Papa de Bérgum che parlàva cume noen
g'a faa fina sugnà de vés püssé bòn,
ancamò incöö che i henn passàa tanti ann,
in cà di italiani gh'è ammò el Papa Giuvànn,
magari pugiàa sura la televisiòn
mentre parlen de Sanremo, de guéra o de balòn

Televisiòn.....

E quanti bei film al lünedé de sira,
John Uéin cupàva tücc senza gnaa ciapà la mira,
e quanti Maik Bongiorno al giuvedé de sira,
se te séret la risposta purtàvet a cà la lira
E quaand che i partiit i henn diventaa a culuu,
l'é staa cumé quaand dopo la pioggia rüva el suu
e alura tütt el muund a l'era deent in quéla bàla,
cun la televisiòn in dell'uffizzi o in de la stàla
vusàvum e bevévum cumé tanti rembambii,
convinti che anca l'arbitro el pudéva sentì
E i naven in sö la loena e i purtàven a cà i sàss
e in giir in sö la Téra segütàven a cupàss

Televisiòn, ...

Ho vedüü tütt el muund e tücc i città
setàa giù in poltrona, saraa deent in cà
Ho vedüü tücc i ròpp che han vurüü famm vedé,
ho savüü tücc i ròpp che hann vurüü fàmm savé,
g'ho scià el telecomando e g'ho piö de levà sö
ma urmai l'é tropp tardi, urmai en pùdi piö
perchè i nàven sö la loena e i purtàven a cà i sàss
e in giir in sö la Tera segütàven a cupàss   Davide Van De Sfroos
 
 
 

Noi, popolo dei televedenti, la specie più recente dell'umanità, una specie diventata sempre meno capace di pratiche basate sull’intelligenza. 
Detto più brutalmente: più tempo passa e meno intelligenti diventiamo. 
Già, grazie alla nostra cara ed amata televisione.
Qualcuno a questo punto già starà pensando che non si tratta di una grande scoperta e che era già ben noto che la televisione manda in pappa il cervello.

La televisione, il mezzo di disinformazione per eccellenza che utilizza i soldi dei cittadini per finanziare programmi che dire scandalosi è un complimento.
La televisione, che paga cifre stratosferiche a presentatori che non hanno alcuna qualità tangibile ma che vengono a costare milioni di euro di stipendio solo perchè riescono a fare audience. Più audience significa più cervelli in pappa.

Nell’Italia senza soldi si dovrebbe gridare allo scandalo quando soggetti privi di qualsiasi qualità il cui unico scopo è intrattenere i consumatori fra una pubblicità e l’altra, sono strapagati mentre ci sono persone alla fame, disoccupati e disperazione. 
I casi sono due: o la fame e la disoccupazione non sono come ce li rappresentano oppure il Belpaese è popolato da persone che senza fare una piega, pagano pure per essere presi per il ..... 

Per allestire la quasi totalità dei programmi dei giorni nostri si spendono cifre stratosferiche. 
Per vedere gente che vive per periodi interi assieme ad altre persone, ripresa 24 ore al giorno per mostrare a morbosi spettatori la noia e la povertà di chi possa accettare di ridursi in questo modo.
Per vedere presunti personaggi (famosi?) spediti in isole lontane dove esprimono ogni bassezza e stupidità umana possibile in una gara a chi sopravvive (ma è davvero cosi?).

La realtà è che paghiamo per ricevere per la maggior parte immondizia e regalarla anche ai nostri figli. Perché dobbiamo accettarlo? Perché non possiamo dire semplicemente no e rifiutare questa assoluta mancanza di senso e intelligenza?
Di sicuro ci saranno alcuni (fra migliaia) programmi che vale la pena di vedere, non discuto, ma giustificano tutto questo?

Scusate lo sfogo, in fondo non ci vuole molto a cambiare, basta fare un click, spegnere la televisione e accendere il cervello, non è difficile, si può fare, facciamolo.

                                                                            channelsmondo


Nessun commento:

Posta un commento

R.I.P.

Abitava nel nostro stesso piccolo paese di provincia, aveva qualche anno più dei miei genitori. Era un cugino di mia madre. Io lo vedevo sem...